Svezia: una nuova città da 600.000 case per accogliere immigrati

Servirà una nuova città, più grande di Stoccolma, per accogliere i nuovi immigrati in arrivo nei prossimi dieci anni: lo prevede un rapporto redatto dai funzionari di governo

La Svezia prevede di accogliere 480.000 nuovi immigrati nei prossimi quattro anni, quasi tutti nella capitale Stoccolma, già devastata in alcuni suoi quartieri.

Secondo lo Swedish Weekly, il governo ha concluso che saranno necessarie migliaia di nuove abitazioni, per i nuovi arrivati.

La Svezia ha già oggi una carenza di alloggi, tanto che vengono progettati ‘appartamenti container’ per i giovani.

Così, il Consiglio nazionale svedese per la pianificazione edilizia ha prodotto un rapporto, in cui si afferma che 600.000 nuove abitazioni dovrebbero essere costruite nei prossimi 11 anni, in gran parte perché l’aumento di cittadini è “più del previsto”. Interessante, visto l’andamento demografico non certo ‘africano’ della Svezia, questo ha una sola motivazione: l’immigrazione.

Nel comune di Stoccolma ci sono oggi 430 000 abitazioni. Se approvato, sarebbe il più grande progetto di costruzione di sempre in Svezia.

Il rapporto elenca anche una serie di provvedimenti per rendere più facile agli immigrati ottenere una residenza, che include mettere gli immigrati davanti agli svedesi nelle liste di attesa per le case.

Guarda la Svezia, è l’Italia di domani. Se non abbattiamo il governo.


Lascia un commento