Estremisti dell’accoglienza scatenati a Milano: sedi destra date alle fiamme



Nella notte, dopo l’evento culturale Divide et impera: Milano Burning, le radici dell’odio, sulla morte di Sergio Ramelli, gli estremisti dell’entropia si sono scatenati contro alcuni centri della destra milanese: sono state colpite la libreria Ritter – data alle fiamme e devastata – la sede dell’Ugl di via Aosta 13, e la sede di Forza Nuova Milano Sud, che è stata imbrattata, finestre e imposte divelte: una bomba artigianale è stata piazzata all’interno ma non è esplosa.

mi

Sono gli stessi che pretendono l’invasione e la chiamano ‘accoglienza’. Parassiti da estirpare.


Lascia un commento