Sindaco PD: “Pronte delibere per inviare profughi in case italiani”



Il sindaco Pd di Settimo Torinese, tal Fabrizio Puppo, ha chiesto “ai singoli e alle famiglie di ospitare in casa i rifugiati”. Rifugiati secondo lui, ovviamente.

Alla presenza di un altro fanatico, quel sindaco di Torino Piero Fassino che ha chiesto di stipare i clandestini in caserme e che stava visitando il centro polifunzionale per profughi di Settimo Torinese, costruito a spese nostre, Puppo ha detto: “Nelle prossime settimane, tradurremo quest’idea in una delibera. Spero di coinvolgere i sindaci dei comuni limitrofi, dobbiamo fare la nostra parte.”

“In proporzione agli abitanti, bisogna coinvolgere tutto il territorio nazionale per ospitare i rifugiati, persone fuggite dalla guerra e dalla fame, che hanno diritto a una dignità e a un futuro.”

Ma quale guerra? Quale fame? Dove sono le donne, Puppa?

Qui nulla è cambiato rispetto a 10 o 5 anni fa: ci sono milioni di africani, giovani maschi in carne, che sognano di vivere in Europa per ambizione personale, non per emergenze umanitarie non pervenute. Quello che è cambiato è che ora, con la scusa molto alla lontana della guerra in Siria, si è preso non solo a non respingerli mai, ma ad invogliarne il più possibile l’arrivo. Quindi, questo giochino di cercare hotel e ‘privati’ che li accolgano, a spese nostre, quando finirà? Perché, se non lo interrompiamo, durerà finché tutti questi milioni di africani non verranno qui.

E inoltre, perché lor signori tanto ‘buoni e caritatevoli’, mai si sono preoccupati, neanche dopo anni di crisi economica che ha colpito duramente tantissimi cittadini, di fare altrettanto con tutti gli italiani sfrattati? Perché loro devono andare sotto i ponti o a vivere in macchina?

profughitel

E’ evidente che il PD è un partito da sciogliere per attentato all’integrità nazionale.


Lascia un commento