C’è l’amica marocchina di Greta e Vanessa dietro lo sbarco con lo Yacht di lusso



 

NAWAL

La rete islamica alla quale appartenevano – e probabilmente appartengono – Vanessa e Greta prosegue nella propria attività pro-clandestini. A guidarla l’amica marocchina della coppia, tal Nawal Soufi (quella in ginocchio che fa il segno di vittoria), della quale già parlammo, e sulla quale continuiamo a chiederci il perché rimanga in Italia.

In questo periodo la marocchina si trova a Pozzallo, e lì è entrata illegalmente in un centro di prima accoglienza nel quale ha registrato i deliri di alcuni clandestini: quelli arrivati l’altro giorno con lo yacht.

Nawal Soufi si occupa di gestire l’arrivo e l’ingresso illegare i immigrati islamici in Italia a Catania e nella parte sud orientale della Sicilia.

C’è lei dietro lo sbarco dei 113 clandestini arrivati nel Comune del Ragusano a bordo di un lussuoso yatch battente bandiera turca.

La trafficante accusa la Polizia di avere :”manganellato con la corrente elettrica“.

Questo scrivono alcuni siti vicini al mondo dei trafficanti di carne umana:

Secondo le testimonianze raccolte un migrante ieri sera sarebbe stato picchiato. L’attivista ha quindi intimato alla polizia di desistere dalle violenze, altrimenti avrebbe richiamato l’attenzione della stampa. All’esterno della stuttura era infatti presente anche una troupe della televisione Al Jazeera. «Dopo il caos generato dall’irruzione – racconta Chiara Avesani, giornalista di Torino che accompagnava i colleghi statunitensi dell’emittente del Qatar – abbiamo visto che una ventina di migranti sono stati lasciati andare. Prima di prendere il taxi e andare via ci hanno raccontato di essere stati picchiati. Uno di loro ci ha mostrato una bruciatura sulla schiena che sembrava fresca e ci ha detto che era stata provocata nel Cpa». Chi è riuscito a scappare ha anche mostrato un volantino in cui, in diverse lingue tra cui l’arabo, veniva spiegato che la polizia era autorizzata a prendere le impronte digitali, anche con la forza.

Per protesta i migranti starebbero anche mettendo in atto uno sciopero della fame. Avrebbero infatti rifiutato la cena di ieri sera e la colazione di stamattina. Il direttore del Cpa, Angelo Zaccaria, ha assicurato che invece tutti gli ospiti hanno consumato il pranzo di mezzogiorno.

Non hanno fatto colazione. Tremendo per chi è abituato a muoversi in yacht.

Ora, la domanda è: questa signorina marocchina viola ripetutamente la legge, ma rimane a piede libero. Perché?

Uno dei motivi, è la protezione di politici: LEGGI

Questa marocchina gestisce una rete di ingressi e movimenti illegali di clandestini, a casa nostra. Non è tollerabile. Nemmeno nell’Italia disastrata di Renzi e Al Fano.



Lascia un commento