I 10 punti Ue trasformeranno l’Italia in una tendopoli



Questi sarebbero i cosiddetti ’10’ punti presentati dalla Commissione Ue:

1) “Rafforzare” le operazioni Triton e Poseidon nel Mediterraneo “aumentando le sue risorse finanziarie” ed estendendo la loro area d’intervento

2) “Uno sforzo sistematico per catturare e distruggere le imbarcazioni usate dai trafficanti”

3) Incontri regolari fra Europol (l’ufficio di polizia europeo), Frontex (l’agenzia europea per la gestione delle frontiere esterne), Easo (l’ufficio europeo di sostegno per l’asilo) ed Eurojust (l’Unità di cooperazione giuridica europea) per raccogliere informazioni sul modus operandi e i fondi di cui dispongono i trafficanti di esseri umani.

4) Easo dispiegherà delle squadre operative in Italia e Grecia per le richieste di Asilo

5) Gli Stati Membri prenderanno le impronte di tutti i migranti

6)Verranno considerate opzioni per “un meccanismo di ricollocazione d’emergenza”

7) Vi sarà un ampio programma volontario per il reinsediamento per le persone bisognose di protezione nei Paesi Ue

8) Verrà istituito un programma per mandare rapidamente indietro i migranti irregolari, coordinato da Frontex

9) La Commissione e il Servizio di Azione Esterna dell’Ue s’impegneranno assieme ai paesi confinanti con la Libia, in particolare verranno rafforzate le iniziative in Niger

10) Verranno dispiegati funzionari di collegamento dell’immigrazione (Ilo) in paesi terzi chiave per raccogliere informazioni d’intelligence su flussi migratori e rafforzare il ruolo delle delegazioni europee


 

L’applicazione di questi punti significherebbe trasformare l’Italia in una tendopoli di africani. Alcuni punti sono inutili. Altri inapplicabili e solo chiacchiere, come ‘mandare rapidamente indietro’; altri infine sono drammaticamente dannosi.

Il punto 1 è il ritorno in grande stile a Mare Nostrum. Solo che, oltre alla Marina italiana, scaricheranno clandestini in Italia anche le altre Marine Ue.

Il punto 7 è il piano Kalergi all’ennesima potenza. Una accelerazione nel processo di genocidio etnico dei popoli europei.

Il punto 4 trasforma l’Italia in un enorme campo profughi (falsi) nel quale arrivano i vari inviati stranieri a controllare se c’è qualche profugo. Intanto, li teniamo noi.

La Ue è l’erede designato dell’Unione Sovietica. Il governo italiano ne è solo una propaggine criminale da abbattere. In Italia deve iniziare una nuova resistenza all’invasione programmata: non ci faremo abbindolare da presunti naufraghi che tra l’altro nessuno ha mai visto.



Lascia un commento