Anche quest’anno, gli immigrati hanno portati via oltre 5 miliardi di euro



Negli ultimi 10 anni i lavoratori stranieri in Italia hanno sottratto – ceteris paribus – al sistema economico oltre 60 miliardi di euro. Lo hanno fatto attraverso le cosiddette ‘rimesse’, somme dirette verso i paesi d’origine.

Quindi, non solo occupano posti di lavoro che potrebbero andare ad italiani disoccupati – e ce ne sono -, non solo, comprimono i salari e ingorgano il mercato immobiliare, ma i soldi dei loro guadagni, invece di spenderli in Italia, li portano all’estero. Un doppio danno: perché se i loro lavori venissero coperti da italiani, questi 60 miliardi sarebbero stati spesi in negozi e locali italiani. Per tacere dell’effetto moltiplicatore.

Quello delle rimesse è uno dei motivi per il quale il Pil italiano non cresce: ogni anno partiamo da sottozero.

Anche nel 2014, il sistema economico italiano ha perso oltre 5 miliardi di euro:

ANNO MILIONI DI EURO
 
2005 3.900
2006 4.527
2007 6.039
2008 6.376
2009 6.747
2010 6.572
2011 7.394
2012 6.833
2013 5.545
2014 5.333

 

Le regioni più colpite sono Lombardia (1 miliardo e 119,4 milioni), Lazio (985,1 milioni), Toscana (587,1 milioni), Emilia-Romagna (459,7 milioni), Veneto (426,3 milioni) e Campania (306,7 milioni).

 

 


Lascia un commento