Arabia Saudita decapita malata mentale



L’Arabia Saudita ha decapitato un’immigrata indonesiana, malata mentale, accusata di aver ucciso il suo datore di lavoro che abusava di lei.

Il governo indonesiano ha convocato l’ambasciatore saudita dopo che Siti Zainab è stata giustiziata nella città santa dell’Islam di Medina, dopo più di 15 anni nel braccio della morte.

Mentre in Europa gli immigrati sono oggetto di idolatria, nei paesi arabi sono trattati alla stregua di animali. Basta pensare ai lavori per i Mondiali in Qatar. In Arabia Saudita sono poco sopra lo stato di schiavo.



Lascia un commento