Lezione di stile degli ultras romanisti a Pallotta



La risposta, piuttosto colta, degli ultras romanisti al cacciatore di business Pallotta, ‘loro’ presidente:

“Quando tuo padre era appena nato, noi eravamo a Campo Testaccio per un qualsiasi Roma-Dominante – recita il comunicato – quando ti emozionavi con i tuoi Boston Celtics, noi pareggiavamo 2-2 con l’Atalanta con doppietta di Pruzzo, mentre più tardi, quando tu urlavi per un tap-in, noi ci emozionavamo per la nostra Roma-Torino e piangevamo per la nostra Roma-Liverpool. A 53 anni sei diventato proprietario della nostra Roma e per prima cosa hai modificato lo stemma del 1927 facendo tante belle promesse a cui abbiamo creduto, se pur con l’occhio vigile Romano. Nel frattempo, su tutti i campi, noi tifosi della Roma venivamo come sempre insultati con cori e striscioni, di cui mai ci siamo lamentati perché in fondo è il gioco delle parti ed il calcio non è quello sport con un canestro e un megaschermo che dice a dei giullari sugli spalti quando e come applaudire. Però ti sei permesso di dare dei “fottuti idioti” a 14mila tifosi e di non tutelare chi anticipatamente ti ha pagato facendo il gioco dei moralisti del nuovo millennio (giornalisti, osservatori e leghe di varia natura) che da sempre fanno le pulci solo e soltanto alla Roma e ai suoi tifosi. È anche per questo che siamo arrabbiati con te, James, ed è per questo che per solidarietà con la Curva Sud a Roma-Atalanta resteremo fuori, invitando tutti i veri tifosi giallo-rossi a fare altrettanto. Meglio essere fucking idiots, piuttosto che fucked idiots”.

Al di là dello striscione esposto allo stadio, che è il motivo iniziale della querelle – inelegante ma nulla più – dobbiamo denunciare il contesto più ampio, che è il vero motivo del contendere tra padroni e ultras: vogliono trasformare il calcio in uno sport ‘americano’: tutto business e divertimento tonto. Senza passione, senza storia e senza tradizione. Uno spettacolo per scimmiette ammaestrate: anche dalle curve, passa la resistenza alla Globalizzazione.

Se solo evitassero di scontrarsi tra loro per futili motivi, e unissero le forze contro il comune nemico…

 

Lo striscione contro Pallotta appeso in nottata fuori Trigoria


Lascia un commento