‘Maschicidio’: gambizzato dalla fidanzata



SI, IL TERMINE ‘MASCHICIDIO’ E’ RIDICOLO, COME FEMMINICIDIO…

Milano – E’ successo nel tardo pomeriggio di ieri a Milano al bar ‘Amico’, periferia ovest, dove F.P., 40 anni, e’ stato colpito da due proiettili alle gambe. L’uomo e’ stato condotto in codice giallo al San Carlo, non e’ in pericolo di vita, e in un primo momento ha raccontato ai poliziotti una storia confusa, nella quale a sparargli sarebbero stati tre sconosciuti.

Gli inquirenti pero’ hanno raccolto testimonianze differenti, e sono riusciti a risalire a Linda C.S., 34 anni, precedenti per guida in stato di ebbrezza: la donna, dopo la lite, si e’ allontanata ed e’ tornata indietro, esplodendo due colpi di pistola contro il compagno, ed e’ poi fuggita a bordo di un’auto blu.

Ma la 34enne ha fatto poca strada, si e’ rifugiata in un bar vicino dove ha detto al barista di avere appena commesso “una cazzata”, ed e’ qui che i poliziotti l’hanno individuata e arrestata per lesioni e porto illecito di arma da fuoco. Nell’appartamento della donna sono state trovate due armi legalmente detenute dal padre, ma non quella impiegata per la gambizzazione.


Lascia un commento