‘Profughi’ sequestrano addetti: “Chi ci rifà il letto!”

Borgo Priolo – Gravi violenze da parte degli 80 clandestini ospitati a spese nostre nell’agriturismo ‘La Torretta’ di Borgo Priolo, nell’entroterra collinare casteggiano dell’Oltrepo Pavese.

Ieri mattina, una quarantina di ‘ospiti’ di varie nazionalità – tutti africani – hanno bloccato l’accesso alla struttura dove si sono asserragliati, chiudendo con una catena con la quale è stato ermeticamente chiuso il cancello dell’ingresso. Sequestrando di fatto gli addetti della struttura, ai quali era impedito ogni movimento.

Sono dovuti intervenire i militari della stazione di Montalto Pavese e della Compagnia di Stradella. Tre clandestini saranno denunciati a ‘piede libero’ per resistenza a pubblico ufficiale e violenza privata. Provate voi a picchiare un carabiniere.

I clandestini si lamentano delle condizioni igieniche negli alloggi, della qualità del cibo e dell’isolamento in cui si trova la struttura, troppo lontana da discoteche e locali.

Ma la scintilla della protesta è stata la decisione della proprietà della struttura di fare a meno di alcuni addetti alle pulizie: chi ci fa le camere, si sono chiesti.

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA
Eppure l’agriturismo, strutturato su tre sedi ‘Centrale’, ‘Boschetto’ e ‘Simona’, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, è una delle mete più gettonate per il turismo rurale, è anche dotato di impianti sportivi e ospita matrimoni e altre cerimonie.

Non abbastanza per i sedicenti profughi di guerre immaginarie.



Un pensiero su “‘Profughi’ sequestrano addetti: “Chi ci rifà il letto!””

Lascia un commento