camponomadi

Da Marino fondi alla ‘educazione ambientale dei Rom’: raccolta differenziata nei campi

Quando pensi di averle sentite tutte, e che si sia toccato il fondo, arrivano SEL e il PD. La maggioranza che regge Marino ha approvato un Ordine del Giorno presentato da due consiglieri comunali di Sel, che porterà – rullo di tamburi – la raccolta differenziata nei campi nomadi della Capitale.

Non basta, perché l’OdG collegato al piano finanziario di Ama (la società del Comune che nonpulisce Roma), introduce anche ‘lezioni’ di educazione ambientale per gli zingari, e chiede di “inserire tra gli interventi programmati nell’affidamento ad Ama della raccolta rifiuti e il servizio di igiene urbano, per l’anno 2015, specifici interventi al fine di favorire il recepimento dei codici comportamentali e delle regole civiche della città con l’obiettivo del ripristino del decoro urbano in prossimità degli insediamenti di campi rom e al loro interno”. Se ne occuperà, ovviamente, qualche associazione o cooperativa vicina alla maggioranza, magari lo stesso Buzzi, se fa in tempo ad uscire dal carcere.

Questi trattano il rame, con il quale seminano tumori in tutti i cittadini che hanno la sventura di vivere nei dintorni dei campi nomadi, e Marino li vuole ‘educare alla differenziata’.


Un pensiero su “Da Marino fondi alla ‘educazione ambientale dei Rom’: raccolta differenziata nei campi”

Lascia un commento