“Ci vuole un’informazione più corretta sull’immigrazione”: nuova stretta della Carta di Roma alla libertà di stampa

Condividi!

Sempre più emergenza totalitarismo ‘politically correct’, nel nostro paese

Non sanno più cosa fare, cosa inventarsi, per convincere il popolo italiano che farsi invadere dall’Africa ( pagando anche per l'”affare”), sia “cosa buona e giusta”.
Così ecco che oggi, durante l’assemblea nazionale dell’associazione “Carta di Roma”, si è preso di petto il problema del rapporto tra immigrazione e “informazione corretta”.

La Carta di Roma, per chi non lo sapesse, è un’associazione che ha il ‘nobile’ compito di preoccuparsi che i giornalisti italiani rispettino il cosiddetto “Protocollo deontologico per richiedenti asilo e rifugiati”.
Ovvero, per fare un’esempio, è grazie alla Carta di Roma che il termine clandestino è andato improvvisamente estinguendosi nei mass media, generalmente sostituito da ‘migrante’ che, tutto d’un tratto, da termine utilizzato per definire rondini et similia, si è ritrovato termine egemone nei media ( e di riflesso nel dibattito politico e nella burocrazia) per definire chi entra illegalmente in Italia. C’è da dire, anzi, che la sua egemonia è stata raggiunta così d’improvviso, da far quasi venire il dubbio che in realtà non avessimo davvero sempre usato tale demenziale termine.

Ad ogni modo, come scritto, oggi si è tenuta l’assemblea nazionale di tale ‘meravigliosa’ associazione.
Due i punti chiave:intanto si è deciso un ampliamento del direttivo di tale associazione, di cui già fanno parte come ‘invitati permanenti’: l’ Unar ( quello che manda lettere minatorie a chi parla male degli stupratori) e l’Unhcr, il vecchio ‘posto di lavoro’ della ‘Presidenta Boldrini’.

Ma non meno inquietante l’altro punto che è stato trattato: ovvero un programma di formazione appositamente predisposto nelle redazioni e nelle scuole di giornalismo…Insomma, è bene far comprendere subito ai pennivendoli di domani, che ci sono argomenti su cui devono essere molto “timidi”.

La logica censoria che muove quest’associazione, è la stessa che sta dietro la Legge Mancino: parlar male di categorie che per convergenze di ideologie e interessi, sono protette ( come immigrati e africani) non è libertà d’espressione ma parola d’odio; o come si dice nella lingua di Albione: “hate speak”. Per tale visione ideologica portata avanti dalla Carta di Roma, dunque, qualsiasi legame tra immigrazione e “negatività” non può strutturalmente esistere, e anche esistesse non se ne deve parlare.
E vengono i brividi a pensare che è proprio questo clima di censura, questo terrore di ‘macchiare’ l’immigrazione, che ha permesso alle reti di stupratori pedofili pakistani in Gran Bretagna, di prosperare per anni..




Lascia un commento