Roma sprofonda nella spazzatura: Marino pensa ai gay



ROMA IN QUESTI GIORNI – FOTO

IL DEGRADO MORALE SEMPRE, SI ACCOMPAGNA A QUELLO URBANO

ROMA – Una striscia di rifiuti senza soluzione di continuità per oltre duecento metri: sacchetti gettati da veri e propri dementi dalle macchine in corsa. Ma al Comune nessuno se ne accorge.
Se ne sono accorti, però, i topi, che rovistano tra i rifiuti. Lungo la strada passano le spazzole pulitrici e i furgoni dell’Ama, il servizio di pulizia urbana del Comune, ma dello scempio ai lati della strada non sono interessati.

Vicolo dell'Annunziatella (foto Sabrina Quartieri)

Vicolo dell'Annunziatella (foto Sabrina Quartieri)

Sulla questione è intervenuto il Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci: “Dietro l’abbandono di rifiuti in strada c’è il disinteresse per la collettività, fatto tanto più deleterio in un momento particolare come quello attuale, in cui questo territorio è passato dal sistema tradizionale a quello della raccolta differenziata, porta a porta e stradale”. Il minisindaco ha fatto appello alla polizia locale, per un maggior controllo della zona, e ha chiesto all’Ama intanto un intervento straordinario di bonifica immediato, e poi di garantire un’attenzione maggiore nel vigilare la zona.

Ma il Comune di Roma ha altri impegni. L’Assemblea capitolina ha dato il via libera all’istituzione del registro delle Unioni Civili a Roma. Una vera emergenza. A frotte, correranno a registrarsi.

Il provvedimento,voluto dal sindaco Marino, è stato votato dalla maggioranza di centrosinistra e M5S (ormai un orpello del PD). Contrari Ncd, FI e FdI. Astenuta la Lista Marchini.

“Un risultato atteso da tempo che pone Roma sempre più in prima linea sul fronte dei diritti degli individui”, dice Marino. Perché secondo quella testa di kyenge che governa Roma, non è un diritto non avere i topi sotto casa, lo è una lista inutile in Comune.

marinogay2

Dice ancora Marino, che quello che conta “è solo l’amore”. Se la discriminante è “solo l’amore”: cosa differenzia, ad esempio, la poligamia dalle coppie gay?


Lascia un commento