Bufale.net, il blog ‘apolitico’ del Fatto Quotidiano…



bufale

Come mai, uno dei cosiddetti siti anti-bufale, è in realtà un’accozzaglia di maldestri tentativi di smentire le notizie sui crimini islamici e i danni dell’immigrazione? Perché è un blog con una chiara e precisa mission politica.

Infatti, è un blog del giornale notoriamente super partes e cazzaro per eccellenza, il Fatto Quotidiano. Deve essere per questo, che le notizie bufala, in questo caso realmente tali, dei fatti quotidiani non appaiono su quel blog: mai tagliare la mano che ti nutre.

Un esempio per tutti. Alcuni mesi fa, il Fatto pubblico un’enorme bufala immediatamente smentita da VOX. Il sito ‘indipendente’ di cui parliamo, arrivò, con calma e molto in sordina, solo un paio di giorni dopo, proprio perché non poté farne a meno, con un articolo mogio mogio:nel quale il Fatto quasi nemmeno viene citato.

Anche qui: la mano che ti nutre…

Fate un confronto con gli articoli del suddetto blog ‘indipendente’ sul razzistissimo VOX, alla ricerca di lana caprina, e capirete chi sono e cosa vogliono. E la loro in-credibilità.

Il responsabile del sito (indipendente, mi raccomando), è tal David Tyto Puente, un immigrato venezuelano che ha lavorato con la Casaleggio e Associati:

Nato a Merida (Venezuela), vivo in Italia dalla tenera età di 7 anni. Cresciuto a Tarcento fino al 1994, mi sono trasferito con la mia famiglia a Udine, dove ho frequentato l’Istituto Statale d’Arte G.Sello, diplomandomi nel 2001 presso l’indirizzo “Grafica – Progetto Michelangelo”, e l’Università degli Studi di Udine presso il corso Scienze e Tecnologie Multimediali, sotto la facoltà di Scienze della Formazione, con sede a Pordenone.
Ho fatto della mia passione una professione. Amante dei fumetti, fin da piccolo mi piaceva disegnare e fare piccole caricature. Con l’avvento dei personal computer ho subito intrapreso l’apprendimento dei software grafici e di editing video, inizialmente come autodidatta e poi presso i corsi frequentati durante il periodo scolastico. Col passare del tempo, e con la diffusione della banda larga, la mia passione si è estesa verso il mondo del web, imparando, sempre da autodidatta, i linguaggi di programmazione utili per la realizzazione di siti web, per approfondire in seguito durante il mio percorso universitario.
Dopo qualche piccola realizzazione grafica per alcuni siti web friulani, e la realizzazione del mio Blog personale, mi sono trasferito a Milano per lavorare in una delle più rinomate società di strategie della comunicazione online esistente in Italia, la Casaleggio Associati. Un’esperienza senz’altro fruttuosa, che mi ha permesso di migliorare la mia professione e di ampliare le mie conoscenze sul campo. Mi sono occupato principalmente della comunicazione online dell’allora Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, gestendo sia il suo Blog che il sito del suo partito, l’Italia dei Valori. In seguito mi sono occupato della realizzazione del nuovo sito di Voglioscendere.it (noto Blog gestito da Marco Travaglio, Peter Gomez e Pino Corrias), poi diventato Cadoinpiedi.it, e del nuovo sito della casa editrice Chiarelettere. Mi sono occupato, inoltre, della realizzazione e della gestione online dei siti web legati alle varie iniziative dei clienti, attraverso dirette streaming e gestione dei social network in diretta da manifestazioni, cortei e feste, tra le quali gli incontri nazionali dell’Italia dei Valori a Vasto(CH), manifestazioni delle Agende Rosse a Roma e, in particolare, la tre giorni organizzata da Beppe Grillo a Cesena dal titolo “Woodstock 5 Stelle”.

Casaleggio, Di Pietro, Travaglio…

L’obiettivo è piuttosto evidente: mischiare bufale vere con altre totalmente inventate, per tentare di contaminarne la credibilità e distorcere la realtà.


 

IL BLOG ‘INDIPENDENTE’ RISPONDE: LINK

La mission di Bufale.net è quella di verificare e spiegare come certe informazioni, fornite da siti o quotidiani, siano scorrette o false. Su Bufale.net abbiamo sempre specificato che gli autori mettono da parte ogni credo politico e religioso affinché si possa fare un analisi oggettiva dei fatti.

Un sito che millanta di fare ‘analisi oggettiva dei fatti’, non va a cercare con il lanternino la mancanza o meno – facendo figuracce – di avverbi in siti d’informazione che definisce ‘razzisti’ e ‘xenofobi’: perché le notizie non sono ‘razziste’ o ‘xenofobe’, ma vere o false. Il resto è opinione.

Bufale.net non è un Blog del Fatto Quotidiano, il quale ci ha semplicemente ospitato come avviene per tanti altri siti e blogger. L’annuncio di questa ospitalità era stato pubblicato in un nostro articolo del 14 ottobre 2014 dal titolo “Bufale.net è anche su Il Fatto Quotidiano“.

E questo cosa cambia? Nemmeno Pacciani è nato col bisturi in mano. E’ la vostra presenza su un giornale politicamente e ideologicamente schierato con l’antirazzismo più becero a definirvi per quello che siete: di parte.

In verità già dall’immagine di copertina dell’articolo, a firma Shadow Ranger, viene presentato e in bella mostra lo screenshot dell’articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano. Da notare che l’articolo è stato scritto il 20 ottobre 2014, 6 giorni dopo l’inizio dell’ospitalità da parte de Il Fatto Quotidiano, confermando di fatto la nostra indipendenza.

Ma quale ‘indipendenza’, in nessuna parte dell’articolo viene citato il padrino Fatto. C’è, solo, un’immagine in alto con una ‘piiiiiccola’ scritta ilFattoMondo.

E l’articolo, tra l’altro, si conclude con:

Insomma è una bufala straniera…


Bufale.net e Butac.it sono due occasioni mancate di creare siti di fact checking indipendenti e non ideologizzati. Lo dimostra il target di chi commenta su FB, gli stessi che commentano su cloache illiberali come Segnaliamo il Razzismo, noto per voler silenziare chiunque non condivida la loro scellerata ottusità mentale, che, del resto, è una delle pagine preferite del suddetto personaggio.

Con il quale concordiamo solo in una cosa: il Friuli è una bellissima regione italiana.

Per il resto: zero. E non sarebbe un problema, se la smettesse di inventarsi bufale inesistenti per motivi ormai evidenti a tutti, tranne ai quattro fan che condividono acriticamente i loro articoli.

Ps. Bufale è un termine osceno che fatichiamo ‘fisicamente’ ad utilizzare. Ma quando ti confronti con un certo tipo di individui, devi utilizzare la sua terminologia. Per stupida che sia.



Un pensiero su “Bufale.net, il blog ‘apolitico’ del Fatto Quotidiano…”

Lascia un commento