Clandestini : “C’era accordo con Renzi per occupare case popolari”

Condividi!

Lo ha dichiarato il ‘leader’ delle occupazioni abusive, oltre 70 le case popolari occupate da abusivi (al 99% immigrati) a Firenze.

In pratica Renzi è complice di un grave reato, la Procura di Firenze è obbligata a sentire il personaggio per appurare la veridicità delle sue dichiarazione e indagare l’attuale premier. Anche lui abusivo, tra l’altro. Se non lo fa, come non indagò sugli stupri del Forteto, si capirà perché.

“Sulle occupazioni non possono esserci equivoci. Non possiamo restare indifferenti quando sentiamo i ‘leader’ del (sedicente) movimento di lotta per la casa annunciare “due occupazioni per ogni sgombero” e dichiarare di aver stretto un tacito accordo con la Giunta Renzi negli scorsi 5 anni perché chiudesse un occhio sulle case occupate.  Questo il commento del capogruppo di Forza Italia Marco Stella.

“Chi occupa toglie le case a chi ne ha diritto. I proprietari di edifici occupati non paghino l’Imu”

“Il servizio realizzato da La Nazione nell’ex collegio della Querce dovrebbe far vergognare chi amministra questa città, le occupazioni sono una vergogna per Firenze. E’ intollerabile che una città come la nostra viva situazioni di degrado come questa, la sinistra l’ha fatta diventare luogo di illegalità”.

Decidiamo di entrare. Sul muro, in bella evidenza, campeggia una scritta fatta con uno spay nero: «Il sabato va chiusa la porta». Dopo pochi secondi ci troviamo davanti un uomo, che non capisce né parla una sola sillaba di italiano. E’ malvestito e sta cercando di aggiustare una bicicletta. Ha una gomma a terra e, più in generale, non versa in condizioni eccellenti.

CI FA SEGNO di aspettare. E di non muoverci. Dopo un paio di minuti ci invita, sempre a gesti, a raggiungerlo. Con lui ci sono ora delle donne, che ci raccontano di essere rumene. .

Non vogliono essere fotografati e preferiscono che non si parli della loro storia sui giornali. E, soprattutto, vogliono che ce ne andiamo. Subito.

«Più escono articoli, più a qualcuno viene voglia di buttarci fuori. Ma dove possiamo andare noi? Perché gli italiani che ci vogliono per strada non ci aiutano invece a trovare un lavoro dignitoso?».

Certo, dobbiamo trovare un lavoro ai romeni.

“Chi occupa un appartamento Erp toglie il diritto alla casa a chi rispetta le regole e sta aspettando di poter disporre di un alloggio, chi occupa l’edificio di un privato toglie il diritto al proprietario di poter disporre del suo bene – ha aggiunto Stella –. Ma non solo questa situazione non è più tollerabile per la continua e sistematica violazione dei diritti dei cittadini e delle leggi, il caso della Querce, come troppi altri negli ultimi anni, dimostra che le occupazioni creano situazioni di degrado e di rischio per le persone che occupano e peggiorano la qualità della vita dei cittadini che abitano nei pressi delle occupazioni”.

“Il Comune deve provvedere subito agli sgomberi degli edifici occupati abusivamente: oggi a Firenze ci sono 69 alloggi di edilizia residenziale pubblica occupati che potrebbero essere assegnati a famiglie che ne hanno bisogno e che rispettano le regole.
Firenze conta ben 79 edifici – tra pubblici e privati – occupati abusivamente. Un dato inquietante e inaccettabile che dimostra come la falsa accoglienza messa in atto dal centrosinistra fino ad oggi abbia portato solo degrado e illegalità, senza rispondere in maniera alcuna all’emergenza abitativa. Grazie al centrosinistra ogni fiorentino ha un immobile occupato accanto a casa. Mi domando che città sia mai quella – come Firenze – dove si tollerano le occupazioni abusive senza fare niente. Siamo stufi di assistere agli atti di illegalità di chi sostiene che occupare è un diritto: per noi la proprietà privata è un diritto e il Comune ha il dovere di sgomberare gli immobili occupati in maniera abusiva, e inoltre dovrebbe prevedere di non far pagare l’Imu a chi è proprietario di un immobile occupato” ha sottolineato l’esponente del centrodestra.