Scontro di Civiltà: “Abbiamo stuprato perché non sapevamo fosse illegale”



Circa 300 cadetti libici di stanza in GB, dove vengono addestrati, verranno rispediti in Libia prima del previsto, dalla caserma di Bassingbourn: per una serie di attacchi sessuali ai danni delle donne locali. Due dei cadetti hanno ammesso le violenze sessuali contro le donne a Cambridge, e altri due sono apparsi in tribunale accusati di stupro. I residenti nelle vicinanze si sono lamentati perché i cadetti libici lasciano la base per comprare l’alcool e il Ministero della Difesa britannico (MoD) ha ammesso ci sono stati problemi disciplinari.

Il ministero della Difesa ha confermato che diverse reclute hanno già lasciato il Regno Unito e gli altri andranno nei “prossimi giorni”.

Omar al Mukhtar

Omar Al-Mukhtar, uno dei cadetti, ha parlato a nome dei suoi commilitoni, e ha detto che i militari libici pensano di essere stati trattati male ….

La spiegazione dei cadetti libici sul perché hanno stuprato è rivelatoria: “Non ci hanno spiegata la legge britannica e qual è qui la differenza tra giusto e sbagliato.”

L’ultimo dei cadetti libici lascerà la base Venerdì, e il MoD ha detto che la formazione dei soldati libici nel Regno Unito è ora “in fase di revisione”.



Un pensiero su “Scontro di Civiltà: “Abbiamo stuprato perché non sapevamo fosse illegale””

Lascia un commento