Choc: 1.400 bambini stuprati e torturati da immigrati islamici



LE AUTORITA’ LI HANNO LASCIATI FARE: PER NON ESSERE CONSIDERATI ‘RAZZISTI’

islamicistupratori

Si allarga lo scandalo dei bambini bianchi stuprati e sfruttati sessualmente in GB da gangs di immigrati islamici pakistani e africani.

Il numero di bambini coinvolti è inimmaginabile. Parliamo di almeno 1.400 piccoli inglesi che sono stati sottoposti a sfruttamento sessuale nella sola città di Rotherham tra il 1997 e il 2013.

Lo ammette un rapporto ufficiale ordinato dalle autorità dopo lo scandalo.

Ma bambini e bambine di 11 anni sono stati violentati in gruppo, rapiti e sono stati vittime di tratta in altre città in Inghilterra, picchiati e intimiditi, Sempre secondo il rapporto.

Il rapporto, commissionato dal Rotherham Borough Council, ha rivelato che c’erano state tre inchieste precedenti. Tutte insabbiate per timore di creare un’ondata di ‘razzismo’.

Il leader del Consiglio, Roger Stone, ha presentato le sue doverose dimissioni con effetto immediato.

Stone, che è stato il leader del Consiglio dal 2003, ha detto: “Credo che sia giusto che come capo mi assuma la responsabilità per i fallimenti storici descritti in modo così chiaro.”

Il team di indagine ha rilevato timori tra il personale del Consiglio di essere etichettato come “razzista”, se si fossero concentrati sulle denunce delle vittime che descrivevano i loro aguzzini come uomini “asiatici”.

A tale degrado ha condotto il politicamente corretto. A servire i propri figli allo straniero su un piatto d’argento. In sacrificio, agli idoli dell’antirazzismo.

Il professor Alexis Jay, che ha scritto l’ultimo rapporto, ha detto che c’erano stato “palesi” fallimenti collettivi da parte della leadership del consiglio, e che i dirigenti avevano “sottovalutato” la portata del problema e che la polizia del South Yorkshire non era riuscito a dare priorità alla questione.

Una vittima di abusi sessuali a Rotherham ha detto alla BBC: “Ero un bambino mi avrebbero dovuto salvare”.

Secondo Jay: “Nessuno conosce la vera scala di sfruttamento sessuale dei bambini a Rotherham nel corso degli anni. La nostra stima conservativa è che circa 1.400 bambini sono stati sfruttati sessualmente nel periodo di indagine completa, dal 1997 al 2013 ”

“E ‘difficile descrivere la natura spaventosa dell’abuso che i bambini hanno sofferto.”

Il team di indagine ha trovato esempi di “bambini che venivano cosparsi di benzina e minacciati di essere dati alle fiamme, minacciati con le pistole, fatti assistere a stupri brutalmente violenti e minacciati di essere il prossimo, se avessero parlato”.

E quelli che parlavano, venivano silenziati dalle autorità, timorose di apparire ‘razziste’. Stuprati due volte.

Cinque uomini sono stati incarcerati per reati sessuali (VOX ne ha parlato), ma è solo la punta dell’iceberg.

Il rapporto descrive come le autorità di Polizia “considerassero molti bambini vittime con disprezzo”. Allontanati perché rivelavano una verità scomoda.

Il rapporto ammette che: “Diversi membri della polizia hanno descritto il loro nervosismo sull’individuare le origini etniche degli autori per paura di essere definiti razzisti; altri hanno ammesso di non avere agito proprio per questo timore”. Vigliacchi in una società di vigliacchi, ipocriti e prostitute intellettuali.

Questo è accaduto nonostante tre rapporti tra il 2002 e il 2006, dei quali sia il Consiglio che la polizia erano a conoscenza, e “che non poteva descrivere in modo più chiaro la situazione a Rotherham”.

L’indagine ha scoperto che la prima di tali relazioni è stata “effettivamente soppressa” perché gli ufficiali superiori non credevano ai dati. Gli altri due rapporti sono stati invece ignorati, perché rivelavano una verità scomoda.

Il team di indagine ha rilevato che nei primi anni 2000 quando un gruppo di professionisti ha tentato di monitorare il numero di bambini ritenuti a rischio, “le autorità hanno dato poco aiuto ai loro sforzi”.

Il rapporto ha indicato persone ad alto livello nella polizia e nell’assistenza sociale dei bambini come responsabili.

Per Jay: “Le autorità coinvolte hanno molto di cui rispondere.”

Una vittima di abusi a Rotherham, che è stata chiamata “Isabel” per proteggere la sua identità, ha detto alla BBC: “Ero una bambino e mi avrebbero dovuta proteggere”.

“Non importa ciò che fanno ora … non cambierà la situazione, è troppo tardi, avrebbero dovuto essere fermati.”

Devono essere fermati. Ad ogni costo, dobbiamo bloccare l’invasione. La violenza non può essere un’opzione scartata in partenza.

La guerra è  già nelle nostre strade, altro che Iraq, altro che ‘esportare la democrazia’ mentre importiamo la feccia del mondo.