Orgia Nostrum: dai barconi ai set porno

Condividi!

Da oggi, sappiamo a cosa serve l’operazione Mare Nostrum, a fornire membri al mondo della pornografia. Un mondo triste, di gente dal quoziente intellettivo inversamente proporzionale al numero di partners sessuali.

http://www.retenews24.it/rtn24/wp-content/uploads/2014/06/10390072_10203551031838060_3872251676564192328_n.jpg

Apprendiamo così che una certa Valentina Nappi – consumatrice cinematografica di membri – ha pubblicato su facebook una fotografia che la ritrae sul set di un suo ‘sforzo’ cinematografico in compagnia di un gruppo di africani, in quella che vorrebbe essere una campagna antirazzista: “Matteo Salvini, te la dedico: il primo blowbang in black. SONO TUTTI CLANDESTINI”.

Il messaggio è chiaro: portate le vostre donne ai clandestini appena sbarcati.

E in effetti, tra Al Fano e questa Nappi, non c’è differenza, entrambi sono a novanta gradi.

Forse, Renzi potrebbe reclutare la ‘signorina’ come ragazza immagine dell’operazione Mare Nostrum.

Ecco, l’antirazzismo è passato da Nelson Mandela a Valentina Nappi. Abbiamo già vinto.

E il mondo della pornografia si confà perfettamente ai fanatici dell’accoglienza: sono dei depravati che vogliono la loro terra stuprata. L’immigrazione è un pessimo film porno.

 




2 pensieri su “Orgia Nostrum: dai barconi ai set porno”

Lascia un commento