Ebrei ultra-ortodossi: ‘Olocausto mai avvenuto, è complotto sionista’



Yad Vashem

La polizia israeliana ha arrestato due insegnanti responsabili di un folto gruppo di studenti ultra-ortodossi perché tenevano un barbecue vicino ad un monumento all’olocausto, alla vigilia del ‘giorno della memoria’.

Israel Holocaust Remembrance Day Ultra-Orthodox Karaoke BBQ Party

Le forze di sicurezza, chiamate in un parco nella città settentrionale di Beit She’an, domenica sera, hanno trovato circa 100 studenti yeshiva haredi di una scuola di Gerusalemme, mentre mangiavano e cantavano canzoni vicino al luogo del memoriale dedicato alle vittime di quello che in Israele viene ricordato come il genocidio nazista.

L’atmosfera di festa era in netto contrasto con quella nella maggior parte del paese, mentre Israele si prepara alle solenni cerimonie per ricordare i morti  durante la seconda guerra mondiale.

La polizia ha ordinato gli studenti adolescenti a disperdersi. I due insegnanti, di età compresa tra 26 e 38, sono stati presi per essere interrogati con l’accusa di offendere la sensibilità religiosa.

Gli insegnanti si sono giustificati dicendo che stavano semplicemente cercando un posto piacevole per gli studenti.

In realtà l’avvenimento non è strano. Gli ebrei ultra-ortodossi non riconoscono il ‘Giorno della Memoria’ di Israele ed episodi simili sono ricorrenti.

Molti gruppi haredi – popolazione in velocissima crescita in Israele – sostengono che l’Olocausto sia solo una finzione creata ad arte per fornire un pretesto alla creazione dello stato di Israele.

Recentemente molti ebrei ultra-ortodossi sono stati arrestati per avere deturpato il memoriale dell’Olocausto Yad Vashem a Gerusalemme con graffiti pro-Hitler.

Del tipo: “Se Hitler non fosse esistito, i sionisti lo avrebbero inventato”.

“Grazie Hitler per il meraviglioso olocausto che hai organizzato per noi!”.

A differenza dei sionisti che hanno creato lo Stato di Israele, e che sono sostanzialmente Askhenaziti, ovvero i discendenti degli Ebrei europei, gli Haredi hanno una visione messianica di un Israele religioso.

I primi invece, hanno assorbito la visione ‘nazionale’ in secoli di permanenza in Europa. Nei prossimi anni sentiremo molto parlare di questo scontro culturale tutto interno alla società ebrea israeliana.



Lascia un commento