Torino: il vescovo vuole il business dell’accoglienza tutto per se, offre immobili per clandestini

Condividi!
NOSIGLIA
Nosiglia in una mise molto sobria

Il vescovo di Torino, il famigerato Nosiglia, quello che pensa ai Rom e se ne frega degli italiani, ha annusato un nuovo business.

“Dobbiamo impegnare parte dei nostri beni mobili e immobili”, dice l’arcivescovo Nosiglia alla Giornata Caritas: “Mettiamo a disposizione gli stabili vuoti, civili ed ecclesiali, di cui abbonda la città”.

Riavvolgiamo il nastro:

  • il suo capo va a Lampedusa e benedice l’invasione.
  • In Vaticano c’è un prete eritreo che tiene i contatti con gli scafisti.
  • Arrivano a migliaia e il governo cerca strutture, a pagamento dove metterli, offrendo 30€ al giorno per ogni ‘ospite’.
  • La Caritas, che è l’ente più marcio presente nella chiesa, si ‘offre’.

Ovviamente è tutto casuale.

TREVISO: I CLANDESTINI A PAGAMENTO SE LI ‘PAPPA’ LA CARITAS

SCANDALOSO, LA CIRCOLARE INVIATA AI COMUNI IN CERCA DI HOTEL PER CLANDESTINI – FOTO




Lascia un commento