Immigrati e Centri Sociali mettono Roma a ferro e fuoco

Condividi!

roma3

La società multiculturale presenta il conto. La saldatura tra disadattati coi soldi di papi che pullula nei centri sociali e gli immigrati clandestini mantenuti nei centri ad hoc, è andata in scena a Roma.

Assurde le scene di immigrati africani negri che assaltavano, in compagnia dei cosiddetti antagonisti sempre utili idioti del Sistema, auto negozi e agenti in tenuta anti-sommossa al grido “Kyenge, Kyenge”.

Gli africani che hanno partecipato ai disordini fanno parte del cosiddetto collettivo “Rifugiati Roma”, ovvero individui a cui il governo dà la paghetta quotidiana di 45€. Non abbastanza per loro, evidentemente. Vogliono di più, vogliono l’Italia.

E vogliono prendersela con l’aiuto dei drogati dei Centri Sociali.