AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Attacco ad Alba Dorata: il Sistema si scaglia contro i dissidenti

Vox
Condividi!

ATENE – Siamo al colpo di Stato eurocratico in Grecia. Era inevitabile, quando non puoi dominarli, devi eliminarli fisicamente, togliere loro la libertà. Così, Nikos Michaloliakos, leader del partito di greco Chrysi Avgì (Alba Dorata), è stato arrestato insieme con il segretario generale di Alba Dorata, come ha reso noto un comunicato diffuso dalla polizia di Atene, è stato tratto in arresto anche un deputato dello stesso gruppo politico del quale non è stata ancora precisata l’identità. Gli arresti sono scattati dopo che un magistrato della Corte Suprema aveva emesso all’alba i relativi mandati legati alle indagini sull’omicidio dell’estremista di sinistra Pablos Fyssas, avvenuto il 17 settembre per mano di un simpatizzante di Alba Dorata Georgos Roupakias.

E come se, in Italia, nel caso un elettore del Pd pestasse e uccidesse un elettore del Pdl, si arrestasse il povero Epifani. Una mostruosità giuridica messa in atto solo per sbarazzarsi dell’unica opposizione esistente in Grecia al piano di smantellamento economico e sociale imposto dalla Ue. Ed è demenziale che l’altra possibile opposizione, quella di ‘estrema sinistra’, si stia facendo manipolare credendo che il nemico sia il presunto ‘fascista’: è il solito giochetto del Sistema.

Vox

I mandati di arresto emessi oggi nei confronti di deputati e membri del partito sono 36. Con l’accusa di appartenenza a banda criminale, insieme al leader Michaloliakos è stato fermato anche il portavoce, Ilias Kasidiaris, anch’egli parlamentare, mentre tra i ricercati vi sono anche i deputati Ilias Panayotaros, Yannis Lagos e Nikos Michos.

In sostanza, un apparato repressivo, arresta dei rappresentanti del popolo su mandato della banche. Un movimento con il 15% dei voti viene definito ‘organizzazione criminale’. E’ emergenza democratica in Europa. Il Sistema vuole annichilire chiunque si opponga alla dittatura di Bruxelles, e per farlo, utilizza i soliti utili idioti.




2 pensieri su “Attacco ad Alba Dorata: il Sistema si scaglia contro i dissidenti”

  1. Ho letto che hanno trovato in casa del premier di Alba Dorata due fucili non denunciati. Avete notizie in merito più precise di quelle che ci da la stampa sul web? Grazie .

I commenti sono chiusi.