Raccolgono firme contro Ius Soli: assaltati da fans della Kyenge

Condividi!

PARMA – Aggressione squadrista da parte di un gruppo di fanatici dell’immigrazione in piazza Garibaldi intorno alle 18, quando un gruppo di estremisti di sinistra si è scagliato con violenza contro un gazebo della Lega Nord dove si stavano raccogliendo le firme contro lo ius soli e in difesa della legge contro il reato di clandestinità.

scontritorino

Sono stati strappati i volantini che stavano distribuendo i militanti del Carroccio e il banchetto è stato preso a calci e danneggiato, sono state urlate minacce: “Torneremo tutte le volte che sarete qui, l’Italia è multietnica, Kyenge vi eliminerà“. E altre frasi irriferibili.

Per evitare che gli estremisti aggredissero fisicamente chi voleva firmare, sono intervenuti polizia, carabinieri e militari dell’esercito.

“Calci al gazebo, vernice spray, insulti e spintoni. Così un gruppo di poco democratici frequentatori dei centri sociali, ha cercato di bloccare un gazebo della Lega Nord a Parma”. Dice Fabio Rainieri, segretario nazionale della Lega Nord Emilia che ringrazia le forze dell’ordine intervenute per allontanare gli aggressori e tutelare la democrazia.
“Il gazebo in piazza Garibaldi – spiega Rainieri – era annunciato da tempo e autorizzato. A un certo punto, invidiosi forse dell’alta affluenza di cittadini che si avvicinavano per chiedere informazioni, un gruppo di appartenenti ai centri sociali ha circondato il gazebo. Con un nastro zebrato bianco e rosso, i pacifici sostenitori del centrosinistra hanno tentato di impedire l’accesso all’area scagliandosi poi contro gazebo e manifestanti. Non ricevendo risposte alle loro provocazioni, gli appartenenti dei centri sociali hanno quindi tentato di imbrattare la struttura”.
“Bloccati dall’intervento di polizia, polizia locale e carabinieri – continua Rainieri – sono stati allontanati. A quel punto una folla enorme di persone ha raggiunto i militanti di Parma che ringrazio per quello che stanno facendo e li ha invitati a continuare nel loro lavoro. Il segno che Parma e’ stanca non solo di questi gesti vigliacchi, ma anche della scellerata politica del sindaco Pizzarotti”.
“Prima di allontanarsi i rappresentanti dei centri sociali hanno poi detto che settimana prossima torneranno per impedire il gazebo della Lega. E’ questo il risultato delle politiche di Letta e Kyenge? Questa l’integrazione e la tolleranza che predica la sinistra? Beh – conclude Rainieri – sappiano che non ci facciamo intimidire da queste minacce e che continueremo a scendere in piazza a difesa della nostra gente”.

La replica degli squadristi del centro sociale Art Lab è interessante: “Pretendiamo da Sindaco e Prefetto una presa di posizione in merito a tali concessioni ad un partito razzista e xenofobo”. Insomma, se non la pensi come loro, non puoi raccogliere firme, e se lo fai, aggrediscono chiunque osi avvicinarsi. E’ così, che intendono la democrazia, ed è così, che questi nullafacenti intimoriscono chi si oppone all’invasione. Sono solo figli di papà col cervello offuscato dal fumo.




2 pensieri su “Raccolgono firme contro Ius Soli: assaltati da fans della Kyenge”

  1. Ai Giovin Astri dei centri sociali piacciono molto i Negroni ( non quelli riferentesi al notissimo APERITIVO)

I commenti sono chiusi.