Kabobo-choc: operato in Svizzera, soggiorno a Losanna

Condividi!

Mada Kabobo, il picconatore di Milano, che l’11 maggio scorso ha massacrato tre persone a colpi di piccone, ferendone gravemente altre due, è stato operato in Svizzera. Secondo nostre informazioni a Losanna, dopo avere soggiornato nel centro di accoglienza ‘profughi’ Evam di Vevey.

Come saprete, Kabobo, giunto clandestinamente in Italia, era stato ospitato in un centro d’accoglienza a Bari, dove si era segnalato per i suoi comportamenti violenti. Lì, mentre attendeva l’esito dell’appello per la richiesta di asilo respinta, soffriva di un problema alla gamba e doveva quindi subire un intervento chirurgico. Ma in Italia c’era da mettersi in lista d’attesa per diverse settimane. Così, consigliato dalle solite associazioni ‘umanitarie’ che si occupavano del suo appello, il ghanese è saltato su un treno e ha raggiunto la Svizzera francese, dove venne accolto come rifugiato e, nel mese di novembre dello scorso anno, sottoposto ad intervento chirurgico in un ospedale della regione, a Losanna.

Poi, una volta rimesso in salute dai medici svizzeri, Kabobo è tornato in Italia e, pochi giorni prima del massacro, trovò rifugio in un casermone abbandonato che si trova nel quartiere di Niguarda.

Il fatto che il ghanese abbia deciso e potuto raggiungere la Svizzera per farsi operare, mostra quante siano le connivenze delle quali godono i clandestini, e smentisce una volta per tutti che il ghanese possa essere incapace di intendere e di volere come ha tentato di far credere finora.




Un pensiero su “Kabobo-choc: operato in Svizzera, soggiorno a Losanna”

Lascia un commento