Siria: Obamiani attaccano villaggio cristiano, è massacro preti decapitati

Condividi!

Mideast Syria

DAMASCO – I cosiddetti ribelli siriani legati ad Al-Qaeda e alleati degli Usa hanno lanciato un assalto nella giornata di ieri contro un villaggio cristiano densamente popolato e nuovi scontri sono scoppiati vicino alla capitale,  Damasco.
Gli estremisti islamici sostenuti da Obama hanno  requisito un hotel di montagna nel villaggio di Maaloula e bombardato la comunità cristiana, ha detto una suora, parlando al telefono da un convento nel villaggio. Ha parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie.
L’attacco è avvenuto ore prima che una commissione del Senato Usa votasse 10 a 7 per dare un primo via libera al  presidente Barack Hussein Obama ad usare la forza contro la Siria – la prima volta che i legislatori hanno votato per permettere l’azione militare in quanto i voti ottobre 2002 che autorizza l’invasione dell’Iraq. La misura, che ha autorizzato la Commissione Esteri del Senato su un voto 10-7.
L’assalto all’alba al villaggio a maggioranza cristiana di Maaloula è stato effettuato da estremisti di Al-Qaeda legati al gruppo Jabhat al-Nusra, secondo un funzionario del governo siriano e l’Osservatorio siriano per i diritti umani, un gruppo anti-regime.
All’inizio dell’attacco, un combattente di al-Nusra si è fatto esplodere a un checkpoint all’ingresso del villaggio.  L’attacco suicida è stato seguito da combattimenti tra i ‘ribelli’ e le forze legittime, come riferito dall’Osservatorio e da una suora nel villaggio. Alla fine, i ribelli hanno sequestrato il checkpoint, disabilitati due carri armati e un veicolo corazzato ed ucciso otto soldati in combattimento. La suora ha riferito che i ribelli hanno preso il controllo di un hotel, in cima a una montagna che domina il borgo e da lì sparano sul villaggo:  “E ‘una guerra. Si va avanti dalle 6 del mattino,” ha detto.  Circa 80 persone del villaggio si sono rifugiate nel convento, che ospita 13 suore e 27 orfani.
Un funzionario del governo siriano ha confermato l’assalto e ha detto che i militari stanno cercando di respingere gli estremisti appoggiati dagli Usa.
Maaloula è un villaggio di montagna a circa 60 chilometri a nord-est di Damasco, è abitato da circa 2.000 abitanti che parlano ancora un’antica versione di aramaico, l’ antica lingua dei tempi biblici parlata da Gesù.
Il governo del clan Assad in Siria  si basa  sul sostegno delle minoranze etniche e religiose del paese, tra cui cristiani, alawiti e curdi. La famiglia Assad e figure chiave del regime sono alawiti, seguaci di una setta da molti considerata ‘non islamica’, mentre la maggior parte dei ribelli e i loro sostenitori sono musulmani sunniti.
A Damasco, un colpo di mortaio sparato dai ribelli ha preso di mira un palazzetto dello sport, uccidendo un membro della nazionale  di taekwondo ,  Mohammed Ali Neimeh.
Un combattente straniero è stato visto dalla Associated Press, con altri  uomini barbuti. L’uomo ha affermato ad AP che sono venuti in Siria dalla Russia e il Caucaso per il jihad, la guerra santa. “La nostra brigata si chiama Mujaheddin del Caucaso e il Levante, e abbiamo i nostri fratelli di tutto il mondo con noi”, ha detto in un russo tradotto in arabo. Ha detto che i suoi uomini avevano rotto con uno dei blocchi jihadisti, nota come ISIS, e che il gruppo è “indipendente da Jabhat al-Nusra e gli altri”.
AGGIORNAMENTO:



Lascia un commento