Corte Europea: se sei Cristiano puoi essere discriminato

Condividi!

Se sei cristiano e autoctono, la cosiddetta Corte europea dei Diritti dell’Uomo – tutto in maiuscolo mi raccomando – non ti ritiene degno di protezione. E di essere ascoltato.

Infatti, tre cristiani britannici licenziati dai propri datori di lavoro per le loro convinzioni religiose, si sono vista respinta la loro battaglia legale presso la Corte europea.

Shirley Chaplin, Gary McFarlane e Lillian Ladele hanno infatti perso l’appello.

Chaplin, 57 anni, un’infermiera geriatria di Exeter, è stata spostata in un lavoro amministrativo dopo che ha rifiutato di togliere un crocifisso dal collo. Secondo la Corte, questo non era discriminatorio, perché necessario per l’igiene e la sicurezza dei pazienti e del personale. La Croce, insomma, è “pericoloso”

Ladele, 52 anni invece, è un cancelliere di un ente locale, ed era stata punita dal Consiglio di Islington a Londra per aver rifiutato di svolgere cerimonie di unione civile di cosiddette “coppie” gay; anche McFarlane, 51 anni, di Bristol era andato incontro ad un provvedimento simile.

La corte ha stabilito che le azioni di entrambi i datori di lavoro sono giustificate, dati i loro obblighi per prevenire la discriminazione contro le persone che utilizzano i loro servizi. Insomma, per non “discriminare” i gay, è giusto discriminare i Cristiani. Dittatura delle minoranze.

Festeggiano le associazioni degli omosessuali: “Il Regno Unito ha leggi di uguaglianza più complete del mondo che già includono una forte protezione per i credenti e sarebbero stati fatalmente compromessi, in particolare per le persone LGBT, da una sentenza a favore dei tre cristiani”.

Come sempre: siamo tutti uguali, ma gli omosessuali sono un po’ più uguali degli altri. Loro, e gli immigrati di ogni colore e religione. Questi tribunali sovranazionali – come tutti i trattati e le convenzioni – sono fatte per reprimere i diritti della maggioranza. Finché è ancora tale.

Quando sentiremo qualche Vescovo, ancora meglio il Papa, dire ciò che è evidente, ovvero che la Ue è una costruzione massonica contro i valori e contro natura?




Un pensiero su “Corte Europea: se sei Cristiano puoi essere discriminato”

Lascia un commento