CinqueStelle: “Vogliamo l’abolizione del contante”

Condividi!

Direttamente dal Corriere della Sera l’intervista del consigliere economico di Grillo, nonché estensore del programma economico del M5S:

«Il nostro vero problema è la troppa disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza. E poi nessuna uscita dall’euro, sarebbe un dramma, una stupidaggine assurda che diminuirebbe del 30-40% il reddito degli italiani, semmai ci vuole una vera unione politica dell’Europa come gli Stati Uniti, con una banca centrale in grado di svalutare la moneta».
Quando ha conosciuto Grillo?

«Nel 1993. Ero a casa del fondatore dell’università Politecnica delle Marche Giorgio Fuà – mio maestro insieme a Paolo Sylos Labini – e quando seppe che andavo a teatro a vedere Grillo mi disse di portagli un libro sul Pil di cui avevano parlato al telefono. Da allora siamo rimasti sempre in contatto. E da quando è sceso in politica ci sentiamo quasi tutti i giorni».

È lei che ha elaborato il programma economico del movimento?
«Non tutto, io con i miei collaboratori ci siamo concentrati sui temi legati al lavoro e alla sostenibilità del sistema».

Si dice che Grillo consulti anche alti economisti come Loretta Napoleoni. Lei la conosce?
«Mai vista. Ma il movimento non è ancora organizzato e Grillo prende da ognuno di noi degli spunti, dei suggerimenti che poi elabora a modo suo. Ma presto faremo un programma condiviso».

Secondo lei quali sono i provvedimenti più urgenti?
«Ci vorrebbe una patrimoniale, una vera riforma fiscale per far emergere il lavoro nero e una rivoluzione del mercato del lavoro basata sulla partecipazione dei dipendenti alla vita e ai profitti dell’impresa. Stiamo lavorando con un gruppo di tributaristi e tra un paio di settimane usciremo con una proposta.».

«Per far emergere il nero credo la soluzione più concreta sia quella di abolire il contante per qualche anno. Tutto diventa tracciabile e tassabile.».

L’uscita dall’Euro dell’Italia non solo non creerebbe i danni immaginati da questo individuo – un nuovo Giannino – ma sarebbe anzi un fatto di sviluppo per la nostra economia. Il premio Nobel Krugman e molti altri economisti italiani e non ritengono l’uscita dalla moneta unica la sola possibilità di salvezza per la nostra economia in avvitamento.

Incredibile – e sorprendente per un movimento come quello grillino – l’idea di abolire il contante. Una sorta di grande fratello fiscale che tutto vede e tutto controlla in stile montiano.




10 pensieri su “CinqueStelle: “Vogliamo l’abolizione del contante””

  1. RIDUZIONE DEL CONTANTE – Non è mai successo, se non in tempi di guerra del passato, che qualche sconsiderato abbia proposto e fatto approvare la riduzione del contante per combattere l’evasione fiscale. Qualcun altro ne ha proposto addirittura l’eliminazione.
    Gli anziani sopravvissuti ricordano benissimo che, a quei tempi, si andava dal panettiere o dal macellaio coi pantaloni rattoppati e con una tessera, l’antenata della carta di credito, si otteneva, secondo i componenti della famiglia, una pagnotta o qualche etto di carne. Misure che crearono la “mano nera”, corrispondente alla mafia di oggi.
    Gli evasori, quelli veri, non hanno certo bisogno di carte di credito, bancomat o assegni per gestire i loro affari. Tali strumenti invece stanno già aggravando il conflitto tra cittadini e istituzioni ed i disagi di chi è già pesantemente penalizzato dalla burocrazia ed è al limite della sopravvivenza, dando il colpo di grazia a quei tanti pensionati, lavoratori precari ed a chi vive di espedienti.
    Senza dimenticare le carte di credito clonate e gli assegni falsi o scoperti di cui hanno già avuto a che fare tanti esercenti grandi e piccoli, i quali, di conseguenza, sono ora costretti ad immergersi in quel già intasato mondo del sommerso.
    Certi nostri sedicenti tutori della legalità ci stanno riportando al passato, riducendo il Bel Paese ad una repubblica di criminali.
    da COCOMIND.com – La voce del dissenso

    1. “Per far emergere il nero credo la soluzione più concreta sia quella di abolire il contante per qualche anno. Tutto diventa tracciabile e tassabile.”
      Direttamente dall’articolo, nero su bianco

  2. ECCO CHE ESCE ALLA SCOPERTO. ALTRO CHE PER I CITTADINI. ECCO COSA HANNO VOTATO.. BASTA CHE SIANO TUTTI CONTRO BERLUSCONI.. IDIOTI CHE AMATE GLI INVASORI CHE VE LO METTONO IN QUEL POSTO!

  3. Questo è peggio di Monti, con la scusa di far emergere il lavoro nero, che si pagherà in Franchi Svizzeri o in Dollari o in Sterline, da lavoro alle banche………….che ideona!!!!!!
    Ma dato che c’è un sistema molto più semplice, usato in altri paesi , non lo propone perchè questo sistema non è legato alle Banche

  4. ma scusate non hanno ancora deciso nulla, voi estrapolate un’idea, un’ipotesi come fosse una decisione irreversibile, o addirittura qualcosa di già operativo. Grillo ama stupire, esamina anche le proposte più strampalate, ora come ora continuano a riunirsi e mangiare panini nel famoso bar, chiedendosi chi paga. Non siamo neppure ancora con un governo qualsiasi in piedi- secondo me tirano a nuove elezioni per stravincere e avere carta bianca su tutto. Mah!

Lascia un commento